by

AMANI: Ten years later

Mercoledì 28 marzo - ore 20.45

Il Gruppo Scout Rimini 3 – Clan Carif vi invita alla serata
AMANI for AFRICA con la visione del film:

TEN YEARS LATER
regia di Fabio Ilacqua
documentario
Italia 2017

Da oltre trent’anni padre Renato Kizito Sesana, missionario lecchese, si occupa di bambini di strada, specialmente nelle periferie di Nairobi (Kenya), che sono diventate anche la sua casa. Sono migliaia quelli che sono stati accolti nei centri che ha realizzato in diverse zone della capitale del Kenya e che ha accompagnato in un percorso lungo e difficile di ricostruzione delle loro vite.

Otto di loro, nel lontano aprile 2005, hanno incrociato, oltre al missionario, anche lo sguardo attento e sensibile di un regista milanese, Fabio Ilacqua. Che li ha seguiti nei loro primi passi e ha filmato le loro prime reazioni mentre cominciavano una nuova vita in una casa di accoglienza che stava nascendo proprio in quei giorni: Ndugu-Mdogo Rescue Centre – “Piccolo Fratello” – una casa di accoglienza creata dalla ong Amani e Koinonia Community con il sostegno di Banca Mediolanum e la collaborazione di Fondazione Mediolanum Onlus.

Dieci anni dopo, nel 2015, Fabio Ilacqua decide di tornare a Kibera per rintracciare quegli otto ragazzi e capire come è cambiata la loro vita. Ne è nato un film, Ten Years later – “Dieci anni dopo” – in cui la narrazione corre avanti e indietro nel tempo, tra il 2005, quando è iniziato il loro percorso lontano dalla vita di strada, e il 2015, quando, ormai cresciuti, provano a rileggere il loro passato e il loro presente.

C’è chi ricorda il tempo passato in strada: «Non so dirvi quanto fossero orribili le notti! Perdonare e dimenticare. È stato l’inizio di una nuova vita».

C’è chi guarda al domani ed è in cerca di un riscatto: «Voglio dimostrare che il mio futuro sarà diverso dal mio passato».

Alcuni sono diventati genitori, e pensano ai figli da accudire, alla famiglia da mantenere; mentre per altri c’è il rimpianto di un’occasione sprecata…

«Quando i bambini di strada arrivano per la prima volta nei nostri centri – dice padre Kizito – dopo ogni pasto tendono a prendere un po’ di cibo e a nasconderlo, magari sotto il letto, per il giorno dopo. Ci vuole del tempo prima che si convincano che avranno pasti regolari tutti i giorni. E ci vuole molto più tempo perché possano prendere in mano la loro vita con responsabilità». Alcuni di loro ce l’hanno fatta. Dieci anni dopo…

Ingresso libero