GUNDA

#meglioalcinema

GUNDA
Regia di Victor Kossakovsky
Documentario – Norvegia, USA, 2020
durata 93 minuti

Con piacere, recuperiamo questo piccolo gioiello, uscito nelle sale nel maggio 2021 – in un periodo “infelice” per il cinema. E’ l’ideale proseguimento di una rassegna sul “mondo animale” iniziato quest’anno con EO, poi proseguito con LA PANTERA DELLE NEVI ed ora GUNDA. Prodotto da Joaquin Phoenix e acclamato da Paul Thomas Anderson, un film di profonda importanza sul mondo degli animali.

Gli animali ci guardano. Una scrofa con la sua dozzina di piccoli appena nati, una pattuglia di galline avventurose e una mandria disinvolta di mucche. Sono protagonisti assoluti, non solo dell’azione in senso stretto, ma interpreti di sentimenti d’amore materno e di protezione, spirito di esplorazione, solidarietà e desiderio di libertà. Denominatore comune: una spiccata fotogenia e una certa tendenza a restituire lo sguardo verso la macchina da presa.

In direzione contraria al sistematico processo disneyano di antropomorfizzazione degli animali, GUNDA lavora sulla loro innata, strutturale espressività.

GUNDA è il nome che il documentarista di Leningrado Viktor Kossalovsky attribuisce col titolo al suino che conosciamo nelle prime inquadrature. Il film non ha didascalie, voce over introduttiva o esplicativa che forniscano alcun dato allo spettatore. Sgombro anche da musica e dialoghi, il film registra ed esalta i grugniti dei suini, il chiocciare delle pennute, il muggito dei bovini. Sparuti rumori lontani di fondo, per lo più di insetti, tra fango e paglia. Non ci sono umani, né in campo né fuori campo, e per un preciso motivo: riconsegnare agli animali l’identità da primattori che loro spetta e che gli è ancora negata.

Terzo atto di un’ipotetica trilogia che comprende i precedenti Viva gli Antipodi! e Aquarela (entrambi alla Mostra del Cinema di Venezia, nel 2011 e nel 2018) Gunda è cinema al suo stato più puro.

Essenziale e ardimentoso, virtuosissimo esperimento di regia a distanza più che ravvicinata da un cast di non professionisti straordinariamente convincenti. Lo sguardo della macchina da presa si colloca alla pari, spesso rasoterra, i movimenti avvolgenti ma non estetizzanti, il bianco e nero splendente ma non lezioso. Tutto a servizio dell’ascolto degli animali, a partire dal fraintendimento umano della loro indifferenza a o inconsapevolezza del dolore. MYMOVIES


BIGLIETTERIA
Intero: 7 €
Ridotto 6 €
Tiberio Club 5 € +1 puntiClub
Prevendite LIVETICKET: www.liveticket.it/cinematiberio

PROIEZIONI
Lunedì 27 febbraio – ore 21:00
Martedì 28 febbraio – ore 21:00
Mercoledì 1° marzo – ore 17:00 / 19:00 / 21:00

🔶MODALITA’ ACQUISTO BIGLIETTI🔶
E’ fortemente consigliato l’acquisto on line su Liveticket, al fine di agevolare le procedure d’ingresso.
E’ comunque sempre attiva la possibilità di comprare i biglietti direttamente alla cassa del cinema (il giorno stesso di proiezione o in prevendita).

Data

27 Feb 2023 - 01 Mar 2023

Luogo

Cinema Tiberio
Rimini
Categoria

Organizzatore

Cinema Tiberio

Prossimo evento

Comments are closed